THE BLOG

22
Feb

Valore alla Meritocrazia

Perché il buonismo moderno ti ha scarabocchiato?
Ogni essere ha l’obbligo morale creativo di dare il meglio dei suoi talenti, sia che ne ha tanti, sia che ne ha solo uno, anche un talento deve essere fatto fruttare al sole della madre natura.
Nessuno ha diritto di vivere da parassita! Meritocrazia torna a gettare scompiglio tra le sanguissughe, e incendia i loro privilegi.
Fiori di Aliso marciano in assetto di attacco, li guida l’ottimismo del progresso.
Meritocrazia sei senza nazione, la tua moneta ha lo stesso valore in ogni strada del mondo, la tua lingua è conosciuta dal cuore di ogni cittadino della terra, non hai colore, sei la via.
Ascolta i suoi ideali, ricco o povero, capo o manovale, donna o uomo!
Sono i piccoli e grandi passi che ci fanno correre, verso i sogni e l’ancestrale, verso il futuro e il trascendibile.
L’energia dell’universo è la pura meritocrazia delle forze che governa il tutto con la semplice legge del merito.
La Meritocrazia è la libertà di amare il proprio coraggio di esistere, per diffondere il divenire.

Piero Forza Giovane, finita alle ore 23.40 del 22.02.15 a Milano

15
Feb

Destino Scrigno Giostra

Il sorriso, non nasce da un ricordo ma da una speranza.
Colpirò al cuore il caso, per guardare negli occhi il destino.
La volontà di fare parlare le opere e far tacere le orazioni, rende vivo il genio.
Una cascata di emozioni da voce alle poesie del libro delle stelle.
Non ho paura della terza dimensione, è una sfera che gira.
Il tuo volto all’orizzonte è già dentro il mio seme.
Lei mi raggiungerà sulle labbra dell’oblio.
Il prezioso scrigno è il luogo dove noi ci ameremo per sempre.
Che la giostra dai mille colori conduca le nostre gesta tra le braccia del domani.

Piero Forza Giovane, finita a Calcinelli la sera del 15.02.15

06
Feb

OTTENIMENTO

Cosa metto nel cappello?
Un serpente colorato di noia, un clown evaso dal circo.
Cosa vedo sul sentiero?
Una farfalla in bicicletta!
Che i topi con vestito e cravatta neri,
vengano cancellati dalla memoria dei bambini nati senza ricordi, ma vogliosi di speranze.
So che non dovrò,
ma so che farò!
Cercherò il tuo abbraccio,
senza conoscerti!
Ti darò amore,
senza capire!
Ricordi ancora da vivere,
inebriano l’esistenza!
Corse di fioraie,
danno ossequi alle occasioni,
senza vederne le composizioni!
Ma l’oracolo del l’ottenimento,
svela il domani,
puoi sentirne le sue odi premonitrici,
a cavallo di un nembo bianco nel terso mattino d’inverno,
il sole inciderà le sue parole sul ghiaccio.
Un fiore coraggioso,
sbarra la strada al pessimismo, per il cieco amore della sua fioraia.
Credo ma non vedo,
sento il tuo flusso benefico,
di te bambino nato dalla stella di punta.
Corteggio le folate del vento per toccare le sue impressioni, abbracciando l’ottenimento di coraggiose speranze, in viaggio tra le conoscenze umane.

Piero Forza Giovane, finita al sorgere del 06.02.15 a Milano.