THE BLOG

19
Mag

Cerco una compagna per la rivoluzione.

Chi ha detto che la ginestra è la figlia del colore e il genio figlio del futuro?
Soave lo sguardo dentro l’io, c’è una rete di occasioni da vedere.
Cori di angeli finti cantano speranze di fiori nascenti.
Brucia i preconcetti e le televisioni, potrai salire sul significato di creazione.
Manca poco alla rivoluzione dei sensi, per fare nascere i fiori venuti da Andromeda.
La musica sostituisce il caso e libera sentimenti.
Ti amo meritocratica libertà del vero, racchiusa nel cuore dell’universo.
La fiaba mi ha preso per mano senza accorgermi, è la mia compagna, crederle è la nuova rivoluzione.
L’evoluzione della perfezione dei cerchi porterà lo stato avanzato della interconnessione fra la loro vita superdimensionata all’infinito.
Che spettacolo l’evoluzioni della rondine, impara dal suo amore per il soffio del vento.
Quando un lui avrà capito la formula per produrre oro, che valore balenerà nella povera mente mercantile dell’ottenebrato, il nulla….
Vivi sopra il nulla, sii qualcuno: un colore, una farfalla, un lupo, un’emozione, una gioia, un’idea….
Sbrigati compagna, è cominciato il conto alla rovescia per la rivoluzione.
Un drago vigila sulla conoscenza, è difficile strappargliela.
Una costellazione di nane bianche vigila sull’amore, donando senso a chi sa sognarci futuro.
Sii quello sguardo che disegna tondi nello specchio d’acqua, colorati dai pensieri della luna nata prima dei tempi, ma amata da tutti gli uomini.

Piero Forza Giovane, finita il 19.05.15 a Cagli alle ore 08.54.

10
Mag

Pensieri sui GESTI

Gesti della passata storia dell’uomo: capare noci come le scimmie, le punte delle tue dita cercano pezzi di noci tra il guscio frantumato con un sasso, prova a farlo, sentirai una strana sensazione di vissuto.
Gesti del futuro: il pensiero è il mouse delle robotiche assistenti in metalli pesanti che proselitano il tuo essere.
Libera la mente oltre il sistema oltre le ideoligie oltre l’ingegno, c’è la conoscenza dei gesti.
Cosa sono i gesti: la storia, la filosofia, la genesi del nuovo.
Cosa è un gesto, amore alla conservazione meritocratica di un cosmo universale che varrebbe un dio.
Continuo a pensare tra le stringhe di energia, che associo, che mi sento immerso, ma non vedo, cosa sarà colui che farà quel gesto oltre il pensiero?
Respiro per approfondire un se in me stesso tra nuvole di sensazioni intuizioni
approdazioni…. comincio appena a capire cosa mi intercirconda…. il ragazzino mi ha informato che ho viaggiato con Antares l’occhio dell’aquila…….

Piero Forza Giovane, finita a Calcinelli il 10.05.15.

07
Mag

Alla ricerca della via per l’assoluto

Un vero sorriso mi tiene compagnia tra le onde dei biondi colori delle speranze:
genialità, verità, amore, evoluzione…
Le affosulate mani del vento giocano con le mie identità.
Abbraccio un raggio di sole per seguirlo nel profetico cuore dell’arcobaleno.
Le voci sono sempre più vecchie del pensiero, l’intangibile pensiero è l’unico amico dell’eterna energia.
Sopra i nembi delle consuetudini ci sono le radici delle stelle.
Scorre un chimento magico, è il potere della conoscenza.
Che si possa vincere la gravità per un gesto epico, che costui colmi di volere la mancanza di infinito.
Sai il futuro ti appartiene sorridigli.

Piero Forza Giovane, finita il 07.05.15 nel cielo sopra le Alpi, alle ore 17.50

01
Mag

L’UOMO IMPERFETTO PER LA PERFEZIONE.

L’uomo imperfetto, in forzata contorta trasformazione alla conquista della perfezione, senza mai darsi per vinto.
È lo stadio finale dell’uomo sapiens che si addentra nei meandri di nuove conoscenze, altre vite legate alla vera energia della materia.
La materia è la suprema evoluzione dell’universo.
Apri la tua mente, ormai può capire che non sei più solo nell’universo, come fai a credere che un universo così vasto complesso onnipotente abbia partorito solo te, uomo.
Questa notte il mio sogno mi ha fatto assistere alla formazione della montagna al ritmo del duro rock di cinque ragazzini con la spada della vita ancora da affilare, esplosioni di materia incandescente, fuoco calore fumo, scandite da note di roccazione.
Mai darsi per vinto, combattere cercando tutte le fessure per infilarci la spada dell’arte.
Pensieri semilavorati per il meritocratico guerriero dell’intelletto: conosci sempre prima, l’uomo che c’è dentro il tuo nemico, dopo puoi decidere l’arma da usare.
Da dove vengono i portatori dell’anima dagli occhi di eliodoro, chi ha segnato il dna dello spirito della femmina genitata da un sogno realizzato dal condottiero della verità perfetta? La luce il tempo la spazziazione sono parti di un amore meritocratico per l’evoluzione, che genera bellezza.
Butto l’immondizia e faccio spazio al futuro: chiamo la fascinazione, abbraccio l’immaginazione, invento la storia ancestrale, immergo l’anima nella quinta dimensione e oltre……

Piero Forza Giovane, finita a London al Victoria and Albert Museum nelle sale della mostra di McQueen il 01.05.15 alle ore 17.30.

Dedicata a due grandi “alieni” inglesi: David Bowie ed Alexander McQueen.
È più difficile da capire di altri miei pensieri, ma molto più potente da riflettere. Mi stupisce “la quinta dimensione” parole che mi ha mandato l’universo, senza sapere quasi nulla della fisica quantistica, allora esiste davvero “la quinta dimensione”, sta a noi scoprirla. Pensa solo al genio di Einstein “in vita oggi” se avesse avuto la possibilità di usare per i suoi complessi calcoli i computer attuali, dove ci avrebbe avventurato? Forse i nostri preistorici computer di oggi sono i precursori della vita del futuro o della diversamente vita del pianeta Vega?………