12
Ott

GLI ARTISTI HANNO L’OBBLIGO

DSC03368

Gli artisti hanno l’obbligo verso l’universo di comunicare le loro visioni agli uomini, i filosofi devo interpretarle.
La sovrabbondanza di prodotti e di uomini rende l’alveare del mondo instabile.
Fiori dai petali con lattine di bibite scadute, schiacciate dall’ira dell’individuo, si ergono a simbolo di falsa felicità.
Ragnatele di PVC trasparente stanno danneggiando i nostri colori.
La potenza dei colori, offuscata dalla prepotenza dei pixel di schermi piatti, falsifica l’umore.
La forza della musica, debilitata dalle immagini di video surrogati di droghe pesanti, svanisce nei barili di petrolio usurati dal tempo, petrolio ormai sei vecchio cancerogeno, ritirati nel museo della storia dell’uomo.
L’indifferenza alla tragedia da vicino, lo spettacolo delle luci deve continuare: a nessuno interessa la cruda realtà della sventurata al suolo.
Spettatori rammolliti, appassionati a lontane tragedie mediatiche che incatenato la mente, sceneggiati senza valore che recitano commentatori di insensate parole.
La mente sta vedendo dei film senza ricordarsi se sono cartoni animati o umani, senza capire se è un sogno o la loro realtà imposta da altri.
Lasciamo ancora che i bambini schiamazzino nelle strade, incuranti del vento che avvisa della tempesta in agguato: essi sono il futuro, lascia libera la loro mente amano l’ignoto vogliono conoscere.
Gli artisti hanno l’obbligo verso l’universo di comunicare le loro visioni agli uomini, gli scienziati devono liberare la nuova energia per il futuro, solo loro posso salvare l’alveare dal terremoto del nuovo riequilibrio.
Artisti, dovete essere i nuovi guerrieri che uccidono la rassegnazione.
Artisti, dovete essere i nuovi guerrieri che difendono il rosso della verità e dell’amore.

Piero Forza Giovane, finita nell’officina delle idee di Fano il 11.10.15 alle ore 18.44