23
Mag

La notte sfiorando Roma

Un treno notturno ha lasciato le rotaie e va per la sua strada.
L’arcobaleno della notte crea solo monocromatiche sfumature rosse.
Questa notte la luna aspira a fare il sole, ma un semplice batuffolo di nube ha ridato voce al buio.
La melodia dell’ormai insignificante inno passato a mezzanotte sulla radio stanca di essere italiana, crea disagio nelle orecchie della mente per bene, la bellezza dell’immagine che sognerai ti farà abbracciare il futuro di domani.
Nei pressi di Roma il rumore lasciato dal galoppo dei mitici cavalieri di Cesare si annusa ancora tra le fronde della siepe millenaria, anche la gloriosa storia fa parte del tuo futuro.
Solo vetri rotti hanno pervaso i cervelli dei giorni appena passati, ma la saggezza dell’infinito renderà onore al lavoro plasmato da mirabili mani artigiane.

Vitalini Piergiovanni notte tra il 23 e 24 maggio viaggiando in macchina accanto a Roma.

Inviato da Piero Vitalini Forza Giovane.

Comments ( 0 )