26
Dic

Pensieri: sulla conoscenza, la fine dei numeri, la sorte dell’amore, il sogno nascosto del futuro. Difficili da leggere e interpretare, ma qualcuno forse, dopo penserà.

mare-dinverno-2015
Se conosci, se sai, il futuro è nelle tue mani, senza paura.
Se apprendi se vuoi sapere, conquisti il passaggio sulla vetta della vita.
La natura è armonia, determinata meritocratica.
L’uomo si accosta alla sua genitrice senza conoscerla, il suo sguardo è cieco alla verità.
La natura concede conoscenza senza fretta e mai accetta ricatti.
Trovare la strada dell’equilibrio tra la conoscenza e la libertà , tra il volere è la libertà, tra il dovere e la libertà.
Ho visto i cavalieri di metallo, potevo sfidarli ogni momento, però ho avuto paura della loro ombra.
Ho visto il nuovo sistema più veloce ed efficiente che sostituirà gli ormai obsoleti numeri, quanto sono vecchi ormai!
Uomo: svegliati dal torpore dove ti hanno imprigionato le tue tradizioni credenze insegnamenti, che ti hanno costretto a imparare a memoria da quando nasci schemi e obblighi.
Uomo pensa che sei libero di trovare il nuovo oltre i numeri, essi non sono il nostro credo, ma solo la prima ruota dello sviluppo. Uomo pensa che sei libero di trovare il nuovo, molto oltre i numeri, questo nuovo stravolgerà la terra, ora la tua mente può contenerlo è molto semplice liberati del vecchio, cerca questa nuova chiave del futuro, è nelle armonia della natura, ciò sarà la salvezza della spece umana, ma non del’uomo e il suo amore, cosa ne sarà dell’amore dell’uomo, questa variante che ne modifica le azioni in modo irrazionale quanto durerà ancora? Finirà mai l’amore l’arte la musica la bellezza la filosofia.
Il faro fa intermittenza con la natura,
il moto ondoso del mare ci ricorda la potenza della natura, chi controllerà mai l’acqua?
Due bambini giocano sulla vista per il mare a cambiare i passi di danza, abbracciati all’amore.
Chi è che sta causando malefici con la biochimica, chi è lo scienziato che ha venduto la sua conoscenza per il metallo, stanno nascendo nuovi imperi, così potenti che controlleranno l’acqua, ma la natura tiene sempre nel grembo il suo potente amore, che solo l’universo può imbrigliare.

Piero Forza Giovane, Fano, 26.12.14, nel laboratorio dei pensieri, finita alle ore 20.11, faticando come sulla salita prima della grande vetta.