12
Gen

Ragazza del drago bianco

Davanti alla apparenza dell’albero di natale sopra un presepe da smontare, un canguro si è mimetizzato nel terreno arato d’inverno, la mia fantastica essenza di sognatore lo scorge.
Un gatto senza più mestiere si nasconde nella cantina tra le cose mai state utili, al pari del consumismo autolesionista.
L’enigma della splendida ragazza dal corpo sensuale, velato di sole essenziali note musicali, danza sulle parole zen.
Il telaio di legno, da cento anni trasmette emozioni, a chi tocca il suo lavoro sacro.
Chi potrà portarmi via dal tempo, se abbraccio il tuo sorriso di ragazza, che cavalchi il drago bianco!

Vitalini Piergiovanni 12/01/13

Comments ( 0 )