24
Nov

RINASCERÒ NELL’ANNO 2812

12278828_10205376949491355_5723144990923420000_n

Pensa all’altra versione dei fatti.
Voglio rinascere e rinascerò nell’anno 2812, dove mi costruisco la teca-casa sopra la mia motorietà con semplici fasci di luce, generata dalla volontà genetica mentale, per il solo quanto del ricondizionante-riposo, a protezione substellare antitempo.
Non esiste più l’ossigeno, la poca respirazione ancora necessaria avviene tutta interna al mutato complesso corpo uomo-ciberenergetico.
Ormai poche super-cellule, composte da migliaia di cromosomi, governano la nuova entità evoluta, dopo 800 anni di dirompenti innovazioni.
Il tempo, misurato in giorni, domeniche, anni, è un vecchio inutile sistema usato dal defunto Homo-Sapiens, ora solo l’energia governa i movimenti di riequilibrio delle intelligenze.
La riproduzione e la sopravvivenza delle entità è garantita da chiare leggi meritocratiche, senza più uso della scomparsa sessualità.
L’amore sarà ancora parte necessaria al DNA dell’entità intelligenti, armonizzandone le forze energetiche?
Uomo della domenica 22.11.2015, qualsiasi cosa la tua debole mente di oggi può immaginare, entro il 2812 è già avvenuta.
Allora uomo, pensa: vale la pena guerra e odio per quei vecchi invalori odierni chiamati soldi ed ideologie che a breve verranno sepolti, o è meglio creare futuro accarezzandone il nuovo?
La bellezza è in me uomo, perché sono venuto nel mondo per dare immagini al domani.

Piero Forza Giovane, il pensatore guerriero armato di parole, scritta in autostrada il 22.11.2015 alle ore 09.33.