17
Ott

VITTORIA!

Quanta voglia di vivere e’ celata dietro gli occhi bimbi di un uomo?
Dopo 31 e mezza ore,
cadute lentamente nella sabbia della clessidra, riposo forzato dal tuo sangue resoti annerito, hai vinto, figlio mio, dalla vitalita’ degli occhi annebbiata dal coma diabetico.
Hai vinto figlio mio,
la tua prima vera battaglia della natura sbadata, finalmente, sei andato a fatica ma voglioso di fare pipi nel bagno da solo!
Che battaglia contro le ore,
che silente strategia,
aiutato da persone vestite di bianco fuori e dentro il loro cuore.
Ti amo figlio mio sei grande!
Scusa per il tempo che non ti ho dedicato, scusa per le esperienze che non ti ho fatto vivere.
Ti ho ritrovato, finalmente,
e’ morto lo straniero che avevo dipinto dentro di me’.
Ora vedo un padre amorevole
che ti accarezza la mente.
La sensazione che la natura avrebbe benevolmente dato la mano, e’ venuta al tramonto, dalla scoperta della scogliera del mare dietro la strada.
Accompagnato dal fratellino di tre anni più vissuto, con il destro ingessato, siamo scesi nel paradiso terrestre, in fondo ella e’ lambita delle onde, grotte di lontani pescatori, dipingono pace saggezza, euforia di vivere tra mani del vento marino, qui abita ancora un’oracolo, del silenzio dell’anima della forza dell’universo, che alita presagi contro un mondo impazzito!
Tornerò tante volte a ringraziarti,
spirito del mare,
che hai voluto condurmi a te’!

Scritta il 17/10/11 alle ore 01,30 della notte, accanto al letto di mio figlio che sta’ combattendo la battaglia contro il coma diabetico, dentro l’ospedale Salesi di Ancona dove medici e infermieri in prima fila con il sorriso nel cuore aiutano i bambini a vincere le loro dure battaglie contro le malattie. Medici e infermieri che devono sempre sorridere, aiutano le giovani vite a vivere.
La sera prima che mio figlio migliorasse, io e il fratellino siamo stati condotti da una forza inspiegabile in fondo alla scogliera dietro la strada dell’ospedale.
Dedicata di cuore solo a chi può capire!

Comments ( 0 )