02
Giu

RIFLESSIONI: CRISI, sacra parola dei miti greci.

Il cambiamento è l’evoluzione della crisi.
Crisi è la perdita di potere di un vecchio sistema per fare emergere il nuovo.
Ho messo un sacco di plastica nero mosso dal vento a guardia del mio spazio interiore.
Faccio tanta fatica ogni giorno come te mio io, ma vado avanti senza voltarmi indietro, cerco sempre l’avvenire.
La cultura italiana deve ricominciare a riscrivere la storia di epiche passione per la bellezza creativa, passione per l’orgoglio, amore per la meritocrazia.
Che il falso buonismo dei furbi opportunisti disonesti, bruci nei vapori di acidi velenosi delle ardenti carcasse dei monitor delle televisioni e dei calici imbevuti di alcool e droga pesante.
Che le vere parole del libro, dorate di vitalità, tornino a sventolare nella infinita bandiera della verità e della conoscenza.
Riuniamo sotto quella bandiera multicolore, gli eroi appassionati del lavoro, cavalieri ormai soli allo sbando perseguitati nella loro indole d’impresa, gli ultimi italiani rimasti vivi sono veri autentici samurai della meritocrazia.
Chi c’è dietro l’oscuro paravento al comando del mondo, chi sono oggi i veri dittatori dalla speculazione bavosa letale, una bomba atomica di pazzia si aggira nell’aria che ci fanno respirare.
Gente pensante è vostro compito mettere nuovi condottieri colorati di fiere visioni, a presiedere il popolo.
Perché avete rimandato il concerto della mia felicità?
Sento la percezione del sole sopra l’oltre della pioggia battente.
Sette lupi da guerra si aggirano tra l’anonima massa di anime incolore, con il mandato di rigenerare orgoglio meritocratico, l’odore dei gesti di Cesare Augusto e Lorenzo il Magnifico ne sono le speranze guida.
Primordiale era moderna, stai correndo verso il futuro abbracciata al vero amore del sapere incastonato nella libertà.
Crisi sacra parola dei miti greci torna a sbaragliare i burocrati assoldati dalla frase: “solo il grande è bello, e il piccolo deve morire”.
Crisi sacra parola dei miti greci torna a difendere la biodiversita d’impresa fatta da chi ha il credo nel suo lavoro di missione di vita.
Che arrivi ora la nuova generazione di gestori della moneta a fare il suo vero dovere, supporto alla reale onesta economia, questo sarà gradito dalla natura e dall’energia dell’universo.
Lo sguardo di occhi azzurri approva il divenire….
(cosa è la repubblica di oggi, una oscura macchinazione di ingordi dittatori occulti)
Lo sguardo di occhi verdi ti ricorda che il tuo DNA proviene dalle stelle, non tradirle mai, segui sempre la luce, non ascoltare mai le lodi dei buchi neri!
Vento di CRISI avvolgici ora, riporta il sorriso nei nostri giorni, e guidaci verso l’immortalità del pensiero!
Piero Forza Giovane, pensieri finiti il 02.06.15 alle ore 10.45 a Reggio Emilia.